Mostra su Van Gogh a Milano

Vincent Van Gogh a Milano

La Biblioteca Comunale di Lomazzo aderisce al progetto “Van Gogh, Un grande fuoco nel cuore” organizzando la visita alle opere di Van Gogh attualmente in mostra a Milano e a Vicenza.

Due sono le proposte:

la prima proposta è per la mostra allestita a Palazzo Reale a Milano incentrata esclusivamente su Van Gogh;

la seconda proposta, più originale, è la mostra allestita a Vicenza alla Basilica Palladiana. sul tema dei “notturni“, da Tutankhamon a Van Gogh.

Per informazioni è possibile rivolgersi presso la Biblioteca Comunale, dal martedì al sabato dalle 14:00 alle 19:00, tel 02/96372166.

La Locandina dell’evento 

Locandina stampabile, in formato Jpeg:  > locandina <

Visita a Vicenza

Visita a Vicenza alla mostra allestita alla Basilica Palladiana sul percorso “Tutankhamon, Caravaggio Van Gogh – La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento”.

La trasferta si svolgerà domenica 15 marzo.
Il programma prevede la partenza in pullman alle ore 8:30 e il rientro in serata; la quota, di € 45 comprende il viaggio, l’ingresso e la visita guidata alla mostra.

Informazioni e prenotazione presso la Biblioteca Comunale entro il 10 febbraio.

Progetto Van Gogh – Un grande fuoco nel cuore:  > link <

____________________________


La mostra

L’ampio progetto espositivo firmato da Marco Goldin per la città di Vicenza, si compone di un numero importante di opere, 115, suddivise in sei sezioni di carattere tematico. A essere raccontata sarà l’immagine della sera e della notte nell’intera storia dell’arte, partendo dagli Egizi per giungere fino alle esperienze pittoriche più recenti.

La prima sezione, con la presenza di 22 tra reperti e statue egiziane rinvenute all’interno delle piramidi, intende soffermarsi sul senso della notte eterna e spirituale, ma fortemente collegata alla vita, in quella cultura. Con al centro la testa del re bambino, Tutankhamon.

La seconda sezione, con molti capolavori da Giorgione a Caravaggio, da Tiziano a El Greco, da Tintoretto a Poussin, indugerà sulla suggestiva atmosfera delle figure collocate in ambienti notturni, soprattutto seguendo la vita di Cristo dal momento della nascita fino alla crocifissione e alla deposizione nel sepolcro. Opere straordinarie soprattutto del Cinquecento e del Seicento saranno al centro di questa parte.

La terza sezione toccherà alcuni dei vertici dell’incisione di tutti i tempi, in una sala nella quale, con 16 fogli in totale, si confronteranno Rembrandt e Piranesi, il primo con i suoi celeberrimi soggetti religiosi, a cominciare dalla visione delle Tre croci, il secondo con le altrettanto celebri immagini delle Carceri.

La quarta sezione si soffermerà invece sul paesaggio, dal momento del tramonto fino a quello in cui nel cielo si levano la luna e le stelle. Ovviamente il secolo che sarà detto sarà il XIX, poiché, dal periodo romantico fino all’impressionismo, questo è stato il tempo della natura serale e notturna. Sfileranno alcuni dipinti indimenticabili di Turner e Friedrich, di Corot e Millet, dei grandi americani da Church a Homer, fino a Monet, Pissarro, Van Gogh, Mondrian, Klee e Hopper.

La penultima sezione entrerà nel pieno Novecento, dove in una ampia sala verranno disposti alcuni dei grandi della seconda parte del secolo, specialmente per quanto riguarda il versante astratto americano, da Morris Louis a Noland a Rothko. Ma anche pittori che si sono tenuti a cavallo tra figurazione e astrazione, come De Staël, fino a un altro grande americano come Andrew Wyeth, oppure lo spagnolo Antonio López García, per entrare nelle profondità della notte intesa come fatto soprattutto psicologico.

Infine, la sesta e ultima sezione sarà un riassunto di tutti i temi affrontati e le opere indimenticabili si succederanno, da Luca Giordano a Bacon, da Gauguin a Cézanne, da Van Gogh a Caravaggio. Per una chiusura che lascerà con il fiato sospeso.

La basilica palladiana – tour virtuale della mostra :  > link <

___________________________________

La Locandina dell’evento 

Locandina, in formato Jpeg:  > locandina <

Un Grande Fuoco nel cuore – Van Gogh

programma Van Gogh Lomazzo 15 genn chiesa

Un grande fuoco nel cuore: Van Gogh chiama così quel pungolo che si sorprende conficcato nella carne e che lo spalanca sull’infinito.

Esso trova espressione nelle lettere al fratello Theo e prende forma e colore nelle sue tele, gesto d’amore e di gratitudine: «Voglio fare dei disegni che vadano al cuore della gente»; «Ho calcato per trent’anni questa terra e per gratitudine voglio lasciare di me un qualche ricordo sotto forma di disegni o di dipinti».

Roberto Filippetti, profondo conoscitore di Vincent Van Gogh, racconta la vita del pittore olandese, in particolare l’ultimo fecondissimo decennio creativo.

Attraverso le opere accostate a frasi folgoranti tratte dalle lettere al fratello Theo, emerge tutto il suo dramma, la sua umanità, quel fuoco nel cuore che della vita di Van Gogh è il tratto dominante: «E allo stesso tempo sentire in modo chiaro che esistono le stelle e l’infinito. Allora la vita diventa quasi incantata».

La Comunità Pastorale, l’Assessorato alla Cultura di Lomazzo e gli istituti scolastici del territorio, vi invitano a partecipare a “Un grande fuoco nel cuore”, l’evento di rilevante valore artistico-culturale che si svolgerà sabato 17 gennaio presso la chiesa dei santi Vito e Modesto alle ore 20,45.

Per l’occasione la presentazione del prof. Filippetti sarà supportata da un apposito impianto di proiezione, con maxischermo di dimensioni tali da permettere di apprezzare dettagli che normalmente sfuggono all’osservatore.
L’evento vedrà la partecipazione della Schola Cantorum, della Scuola di Musica di Cermenate.
Solisti – pianoforte: Cristina Perego; flauto traverso: Paola Ceppi; violino: Saverio Paduano.

La Locandina dell’evento

Locandina, in formato PDF: > locandina <

Organizzatori:
Comunità Pastorale di Lomazzo
Comune di Lomazzo, Assessorato alla Cultura
Istituto comprensivo di Lomazzo
Liceo Artistico di Lomazzo

Relatore: Prof. ROBERTO FILIPPETTI;
SABATO 17 GENNAIO 2015;
CHIESA SS VITO E MODESTO – Lomazzo

Partecipazione di:
• SCHOLA CANTORUM – Lomazzo;
• Scuola di Musica “IL FLAUTO MAGICO” – Cermenate;
• Pianista: Cristina Perego; flautista: Paola Ceppi;
• Violinista: Saverio Paduano.

Due presentazioni:
• ore 10:30 – Riservata alle scuole secondarie di I e II grado del territorio della Bassa Comasca che aderiscono all’iniziativa.
• ore 20:45 – Presentazione aperta a tutti, con ingresso libero.

_____________________________________ 

Roberto Filippetti

Roberto Filippetti è nato a Fano nel 1953, si è laureato in Lettere, dal 1977 vive a Camponogara (VE) e insegna nelle scuole superiori. È docente di lettere a Venezia e di iconologia e iconografia cristiana presso l’Università Europea di Roma.

Da anni percorre l’Italia per introdurre bambini, giovani e adulti all’incontro con la grande arte, letteraria e pittorica, e risvegliare il desiderio della Bellezza. Da tale opera divulgativa sono nati i suoi libri, editi da Itaca, attraverso i quali ha raccontato la grande pittura: L’Avvenimento secondo Giotto (2001, quarta edizione; edizioni anche in inglese, francese, tedesco, spagnolo), Il Vangelo secondo Giotto  (2002, sesta edizione), Caravaggio. L’urlo e la luce (2005, seconda edizione; 2011 nuova edizione rivista e aggiornata); S. Francesco secondo Giotto (2006, fuori catalogo); Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore (2008),  Pietro, mi ami tu? Lo sguardo di Gesù secondo Giotto (2009), Caravaggio. L’urlo e la luce – catalogo della mostra (2010), Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore – catalogo della mostra (2010), Francesco secondo Giotto (2013).

Non meno significativi i suoi lavori dedicati alla poesia e alla narrativa. Ha pubblicato presso le edizioni Itaca: Il per-corso e i percorsi. Schede di revisione di letteratura italiana ed europea (2000, seconda edizione, in tre volumi rispettivamente per la III, IV e V superiore), Leopardi e Manzoni. Il viaggio verso l’infinito (2008), Educare con le fiabe. Andersen, Collodi, Saint-Exupéry, Lewis (2008, seconda edizione), che ripropone le prime due parti di Fiabe d’identità in forma riveduta e molto ampliata; Leopardi e Manzoni. Il viaggio verso l’infinito (2008), L’io spezzato e la domanda di assoluto. Percorso di letteratura italiana ed europea dell’Ottocento e Novecento, in due volumi (2012).

Ha curato per Itaca Eventi quattro mostre itineranti: «Il Vangelo secondo Giotto. La cappella degli Scrovegni», «San Francesco secondo Giotto. La vita del Santo attraverso gli affreschi della Basilica Superiore di Assisi», «Caravaggio. L’urlo e la luce» e «Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore»

Rassegna stampa

Gazzetta di Parma: > articolo <

articoli Van Gogh
articoli Van Gogh
articoli Van Gogh

_____________________________________ 

Vincent Van Gogh 

Vincent Van Gogh (1853-1890), pittore olandese, rappresenta il prototipo più famoso di artista maledetto; di artista che vive la sua breve vita tormentato da enormi angosce ed ansie esistenziali, al punto di concludere tragicamente la sua vita suicidandosi. Ed è un periodo, la fine dell’Ottocento, che vede la maggior parte degli artisti vivere una simile condizione di emarginazione ed angoscia: pittori come Toulouse-Lautrec o poeti come Rimbaud finiscono la loro vita dopo i trent’anni, corrosi dall’alcol e da una vita dissipata. E, come loro, molti altri. Il prototipo di artista maledetto era iniziato già con il romanticismo. In questo periodo, però, la trasgressione era solo sociale: l’artista romantico era essenzialmente un ribelle antiborghese. Viceversa, alla fine del secolo, gli artisti vivono una condizione di profonda ed intensa drammaticità nei confronti non della società ma della vita stessa.

Il caso di Van Gogh è uno dei più emblematici. Figlio di un pastore protestante, provò a svolgere diversi lavori fino a quando decise per la vocazione teologica. Divenne predicatore, vivendo in villaggi di minatori. Qui, prese talmente a cuore le sorti dei lavoratori, anche in occasione di scioperi, da essere considerato dalle gerarchie ecclesiastiche socialmente pericoloso. Fu quindi licenziato. Crebbe la sua crisi interiore che lo portò a vivere una vita sempre più tormentata. In questo periodo, era il 1880 e Van Gogh aveva solo 27 anni, iniziò a dipingere. La sua attività di pittore è durata solo dieci anni, essendo egli morto a 37 anni nel 1890.

Sono stati dieci anni segnati da profondi tormenti, con crisi intense intervallate da momenti di serena euforia. Si innamorò di una prostituta, Sien, e nel 1882 andò a vivere con lei. L’anno dopo, convinto dal fratello, lasciò Sien e si trasferì nel nord dell’Olanda. Intanto sviluppava un intenso legame con il fratello Theo, che molto lo sostenne nella sua attività artistica anche da un punto di vista economico. Nei dieci anni che ha fatto il pittore Van Gogh è riuscito solo una volta a vendere un suo quadro.

Il periodo iniziale della sua pittura culmina nella tela «I mangiatori di patate», dipinta nel 1885. L’anno successivo si trasferì a Parigi, dove il fratello si era recato per lavoro. Qui conobbe la grande pittura degli impressionisti, ricavandone notevoli stimoli. Rinnovò infatti il suo stile, acquisendo maggior sensibilità per i colori e per la stesura a tratteggio. Rimase due anni a Parigi, fino al 1888. Si trasferì ad Arles, nel sud della Francia. Dopo qualche mese lo raggiunse Paul Gauguin ed insieme i due iniziarono un sodalizio artistico intenso che però si interruppe poco dopo per la partenza di Gauguin. La partenza di Gauguin procurò una nuova crisi a Van Gogh che si tagliò il lobo di un orecchio. Iniziarono i suoi ricoveri in ospedale, sempre più in bilico tra depressione e brevi momenti di felicità. Il 27 luglio del 1890 si tirò un colpo di pistola al cuore. Dopo due giorni morì.

L’attività di Van Gogh è stata breve ed intensa. I suoi quadri più famosi furono realizzati nel breve giro di quattro o cinque anni. Egli, tuttavia, in vita non ebbe alcun riconoscimento o apprezzamento per la sua attività di pittore. Solo una volta era apparso un articolo su di lui. Dopo la sua morte, iniziò la sua riscoperta, fino a farne uno degli artisti più famosi di tutti i tempi.

Van Gogh nell’immaginario collettivo rappresenta l’artista moderno per eccellenza. Il pittore maledetto che identifica completamente la sua arte con la sua vita, vivendo l’una e l’altra con profonda drammaticità. L’artista che muore solo e disperato, per essere glorificato solo dopo la morte. Per giungere a quella fama a cui, i grandi, arrivano solo nella riscoperta postuma.

Vincent Van Gogh autoritratto

La Locandina dell’evento 

Locandina, in formato Jpeg:  > locandina <

Mercatini di Natale – Manera

L’associazione Manera Scighera organizza per domenica 21 dicembre i mercatini di Natale a Manera.

Info a 349 80 92 725.

Manera Scighera: www.manerascighera.it

__________________________________________


Villaggio di Babbo Natale e Mercatini

INGRESSO APERTO A TUTTI

Domenica 21 Dicembre 2014 sarà una giornata ricca di appuntamenti organizzati dall’Associazione Manera Scighera e con il supporto del gruppo Genitori di Manera: 

Mercatini di Natale
Gli Hobbisti ti attendono dalle ore 9.30 alle 18.00 in Via Verdi a Manera

Villaggio di Babbo Natale (ex casa Nobile, via Verdi 13)

Ti attenderanno….
le fantasiose sculture di palloncini
il Truccabimbi con simpatici disegni a tema
Il Laboratorio delle fiabe in lingua inglese!
Il laboratorio degli addobbi con materiale di riciclo
Peppa Pig per farsi fotografare con te
RI-GIOCATTOLO: se hai dei giochi che non usi, portali da noi domenica! Li daremo ai bambini che non li possono avere
RI-LIBRO: ritiro di libri per bambini, dai 6 ai 10 anni
Punto natalizio Bindermeier per mamme e papà

Per scaldarci un pò……vin brulè e cioccolata con panettone e pandoro.

E non dimenticare i salvadanai nei negozi di Manera per la raccolta fondi a favore della LIFC Lega Italiana Fibrosi Cistica e il 4° Concorso dei Presepi su tavoletta.

___________________________________

La Locandina dell’evento 

Locandina stampabile, in formato Jpeg:  > locandina <

Siti Ufficiali

Comune di Lomazzo  > link <

Comune di Lomazzo pagina facebook  > link <

___________________________________________________

LINK AI SITI AMICI:

Biblioteca Civica di Lomazzo  > link <

Biblioteca Civica di Lomazzo pagina facebook  > link <

Associazione Commercianti Per Lomazzo pagina facebook > link <

Associazione Lomazzo Eventi > link <

Associazione Lomazzo Eventi su facebook > link <

Associazione Lomazzo Eventi su instagram > link <

Associazione Rievocazione Storica Lomazzo su facebook > link <

___________________________________________________

Mercatini di Natale – Adesione Espositori


Come partecipare ai Mercatini di Natale di Lomazzo – 14 dicembre 2014

Per iscriversi è necessario compilare digitalmente il modulo di partecipazione al link

Inoltre necessario inviare una mail al seguente indirizzo: lomazzoeventi@gmail.com con carta di identità e foto del proprio banco che si intende proporre.

Riferimento telefonico della segreteria organizzativa: 334 83 20 051 (Alberto).


___________________________________

Note tecniche per gli espositori

I mercatini si svolgono nell’area pedonale del centro storico (via Pace e Brolo San Vito).

La quota di partecipazione è fissata in euro 20.

Sono a disposizione circa 35 posti: 20 con semplice banco (spazio 1,80m x 3 m lineari) e 15 con gazebo (spazio 3×3 m).

Il regolamento, completo di tutte le precisazioni del caso, viene inviato via email a tutti gli espositori all’atto dell’iscrizione.

___________________________________


Come raggiungere Lomazzo

Lomazzo dispone di due uscite autostradali sull’autostrada A9 Milano-Como (uscita consigliata “Lomazzo Nord”).

Lomazzo è inoltre facilmente raggiungibile anche con la superstrada SS35 Milano-Meda-Cermenate, a soli 8 km dall’uscita di Cermenate.

___________________________________

La Locandina dell’evento 

Locandina stampabile, in formato Jpeg:  > locandina <

Mercatini di Natale

Domenica 14 dicembre in via Pace e Brolo S. Vito si sono svolti i Mercatini di Natale

Il pomeriggio è stato dedicato ai bambini, con animazione e la presenza degli educatori del Centro di Aggregazione Giovanile.

Un piccolo ha allietato la via Pace a metà pomeriggio. Eccezionale e superlativa la performance del quartetto vocale Suonova, che ha incantato tutti i presenti con la bravura dei quattro coristi.

La biblioteca ha ospitato il Primo torneo scacchistico “Città di Lomazzo”, grazie alla collaborazione del Gruppo Scacchisti Comaschi, di Manera Scighera e dell’Auser Far Bene Lomazzo.

I negozi del centro aperti e i mercatini hanno offerto idee e spunti per i regali di Natale.

I bambini sono stati rapiti dalla magia della piccola fattoria didattica, con le caprette e il simpatico coniglio gigante, ma l’ospite d’eccezione è stato Santa Claus in persona. Babbo Natale, vista l’assenza di neve, invece della consueta slitta per giungere a Lomazzo ha optato per la sua fiammante Moto Guzzi. Ovviamente rossa!

La Locandina dell’evento 

Locandina, in formato Jpeg:  > locandina <