Inaugurazione a Como della mostra 500 anni di Leonardo da Vinci – 14.03.2019

Inaugurazione mostra 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci

Giovedì 14 marzo 2019 ore 18.00 – Broletto di Como

____________________________________________________________________

In occasione della rassegna di eventi “Leonardo L’eternità del Genio” ospitata nelle prestigiose sedi di Como (al Broletto di piazza Duomo) e Lomazzo (parco scientifico tecnologico ComoNExT Innovation Hub) e della mostra con la riproduzione di oltre 80 macchine ideate da Leonardo da Vinci e tratte dai celebri disegni del Codice Atlantico, nel pomeriggio inaugurale l’arch. Fabio Lopez, grande esperto del legame fra Leonardo e la Lombardia terrà una lectio magistralis sui retroscena più interessanti e meno noti della presenza di Leonardo in terra Lombarda.

Il titolo della conferenza è “La roba e la libertà. Gli Sforza, Leonardo e Ludovico il Moro” e anticipa i contenuti del nuovo libro di Fabio Lopez in uscita in tutte le librerie a maggio 2019. Il volume riprende le ricerche e gli scritti del grande Guido Lopez, divulgatore di rango della storia milanese di epoca sforzesca.

Lopez ci consegna la cronaca di un’epoca e il ritratto di due uomini straordinari: Ludovico Maria Sforza, detto il Moro, e Leonardo da Vinci. Il primo incarna l’ambizione e il potere politico ed economico. Il secondo è la libertà, nell’opera e nella vita. I loro destini si incrociano a Milano sul confine di un’epoca che muore preannunciando un nuovo futuro.

Il primo segno di Leonardo a Milano è datato 1482, e si trova sotto lo schizzo del padiglione e del labirinto di Isabella d’Aragona a Vigevano, l’ultimo è una lettera datata settembre 1513 in cui il maestro dà indicazioni per preparare la sua partenza dalla Lombardia martoriata da guerra ed epidemie. Trent’anni di storia milanese e lombarda su cui Leonardo ha lasciato il segno con dipinti, opere architettoniche civili e militari, ma anche ricerche di anatomia e macchine stupefacenti.

Nella Lombardia del primo Cinquecento, pantagruelica e devastata, ci sono tornei e feste, carestie ed epidemie, artisti e scienziati, stampatori e astrologi, tre spose bambine e un duca senza corona. E i racconti di Lopez sembrano essere riportati in presa diretta, precise, divertenti, ricche di dettagli come la storia della Vergine delle rocce leonardesca e le travagliate vicende dell’Ultima cena dalla fine del Quattrocento a oggi.

Fabio Lopez racconta infine le inedite e interessanti scoperte sulla vicenda del famoso cavallo di Leonardo, il celebre monumento equestre a Francesco Sforza, che nasconde numerosi retroscena inediti che lasceranno indubbiamente stupiti gli ascoltatori.

____________________________________________________________________

Locandina stampabile, in formato PDF: > locandina <

____________________________________________________________________

INDICAZIONI STRADALI – Broletto – Piazza Duomo – Como

La notizia inaugurale sul sito QuiComo: http://www.quicomo.it/eventi/cultura/mostra-leonardo-2019-como-lomazzo.html?fbclid=IwAR2kcCOr2Oedkd463TH8AofNHgeBAz7dpDu94o3vgeTgJebiUFlH9hUt168

La mostra a Como e Lomazzo: http://www.quicomo.it/eventi/cultura/mostra-leonardo-2019-como-lomazzo.html?fbclid=IwAR19U47KLXcZglf5GD9D3Z6bSUvGhUiPHwXAcoPN5F2xxbJPbZaYvAQNQSY

Al Via la mostra:

https://www.espansionetv.it/gate/2019/03/14/le-celebrazioni-a-500-anni-dalla-morte-oggi-linaugurazione-della-mostra-le-macchine-di-leonardo/

Da oggi al 14 marzo, in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, Como e Lomazzo dedicano un mese a “Leonardo – L’eredità del Genio”, con una mostra e una serie di conferenze artistico-umanistiche e tecnologico-scientifiche. Il tutto grazie alla collaborazione tra Fondazione Cardinal Ferrari, Gruppo culturale di Lomazzo e Ufficio diocesano Cultura e Comunicazione. Alle 18 al Broletto di Como è stata inaugurata la mostra di modellini delle macchine di Leonardo, dai disegni del Codice Atlantico, realizzate dal meccanico friulano, trapiantato nel milanese, Paolo Candusso. In esposizione quasi 100 macchine leonardiane, in scala 1:72, tutte in legno e perfettamente funzionanti, realizzate con una rigorosa interpretazione dei disegni del genio vinciano. Gli esperti considerano la collezione Candusso “tra le più vaste e prestigiose opere di modellismo esistenti”.
La mostra è visitabile tutti i giorni fino al 28 marzo dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30. 

“Leonardo – l’eternità del genio”. Conferenze, percorsi d’arte e una mostra. Tra Como e Lomazzo si celebrerà l’opera di Leonardo da Vinci, nella doppia veste di artista e inventore, a 500 anni dalla scomparsa.

Si parte il prossimo 14 marzo con l’inaugurazione al Broletto di Como dell’esposizione “Le macchine di Leonardo”. Sarà possibile ammirare da vicino 80 modelli in legno perfettamente funzionanti in scala 1:72 realizzati a mano dall’artigiano Paolo Candusso il quale, appassionato del Codice Atlantico, la più ampia raccolta di documenti, disegni e scritti conservata nella biblioteca Ambrosiana di Milano, ha deciso di riprodurre dispositivi meccanici, macchine idrauliche e molto altro. Il celebre Codice – val la pena ricordarlo – è arrivato a Milano destinato alla pubblica fruizione grazie all’opera di Galeazzo Arconati (nobile dei conti di Lomazzo).

La mostra a Como verrà chiusa il 28 marzo mentre sarà inaugurata nuovamente il primo aprile a Lomazzo al Cotonificio 1890 di via Trento 1 dove sarà aperta al pubblico fino al 14 aprile.

Oltre all’esposizione – come detto – sono in programma conferenze legate ai lavori più conosciuti come la Gioconda o il Cenacolo e molti altri eventi ad ingresso gratuito. Il calendario completo è consultabile sul sito www.progettoleonardo2019.it. Il progetto coinvolge diverse realtà: capofila il centro pastorale Cardinal Ferrari, la città e il gruppo culturale di Lomazzo.