Gli ultimi fanti di Vittorio Veneto

Incontro con Maurizio Casarola

Autore del libro “Domani si va all’assalto” - 

Protagonisti della Grande Guerra cento anni dopo

Edizioni infinito - ISBN 978-88-6861-270-2

 

Giovedì 15 novembre 2018

in occasione della mostra "Dal Quindici al Diciotto"

Mostra nel centenario della Grande Guerra - in onore dei caduti e in difesa della pace

ore 20:30 - presso la sala polifuzionale "Gruppo Anziani" - via Giovane Italia 1 - Lomazzo

partecipazione libera e gratuita

 

 

IL LIBRO - DOMANI SI VA ALL’ASSALTO

“E domani si va all’assalto” è una strofa della canzone dal titolo “Ta-Pum”, composta al fronte durante la prima guerra mondiale dall’ardito Nino Piccinelli. Quante volte hanno ripetuto questa frase – ossessivamente e con la paura dipinta sul volto – i soldati di cento anni fa quando ricevevano il più terribile degli ordini che i superiori in grado potessero impartire. Il comando era quello di dover affrontare la possibilità concreta di morire andando all’assalto con i fucili rivolti contro un nemico invisibile, ben nascosto nella trincea. Addosso, la consapevolezza di poter essere colpiti e di cadere con la faccia immersa nel fango della terra di nessuno. Molti, alcuni milioni, chiusero il loro percorso di vita falciati dai proiettili delle mitraglie, dallo scoppio delle granate, dai gas asfissianti, dagli stenti e dalle malattie. Altri tornarono a casa, talmente menomati nel corpo e nella mente da non poter nemmeno raccontare quanto avevano visto e sopportato quando erano in prima linea. Una grossa parte di quei giovani partiti per il fronte con baldanza, tornò a casa solo alla fine del conflitto che aveva coinvolto le genti dell’intero pianeta. Per questo ringraziarono il cielo d’essere ancora vivi.

Questo libro racconta attraverso gli ultimi “grandi vecchi” che nella prima guerra mondiale hanno vissuto da combattenti, le vicende della trincea e del fronte, molte delle quali ancora oggi sconosciute ai più, intrecciandole con le vite e con i sogni dei ragazzi di allora, giunti fino a noi.L’autore ha incontrato e intervistato gli ultimi reduci italiani della Grande Guerra, tutti ultracentenari. Uno a uno, quei testimoni di eventi così tragici e lontani se ne sono andati. Le loro memorie, però, meritavano d’essere tramandate. E con esse, l’eco di vicende accadute in quelle zone di frontiera nelle quali e per le quali si combatteva. E si moriva.


L'AUTORE

Maurizio Casarola vive ed è nato a Como nel 1964. Giornalista, scrittore, viaggiatore, atleta e maestro della lotta olimpica, ricopre attualmente l’incarico federale di cronista streaming e televisivo dello sport più antico e tradizionale. Coltiva la passione per la storia, in particolare per le memorie dei combattenti della Grande Guerra, che furono i veri protagonisti di quel conflitto. Assieme a Nicola Bultrini scrisse nel 2005 “Gli Ultimi. I sopravvissuti ancora in vita raccontano la Grande Guerra”, libro che lo ha ispirato a realizzare il saggio storico Domani si va all’assalto. È autore di altri tre volumi di carattere storico: Lo chiamavano Sina, Per l’Imperatore e per il Re, Addio mia bella addio.

 

 

____________________________________________________________

 

La mostra - clicca sull'immagine:

    

 

 

 

____________________________________________________________

 

Cicli di Letture e Cicli di Incontri con l'Autore in Biblioteca - Rassegna Completa: apri link