Caravaggio - L'Urlo e la Luce

Conferenza del prof. Roberto Filippetti

 

Organizzatori: Centro Pastorale Cardinal Ferrari e Vicariato di Como Centro , Parrocchia San Fedele

Gruppo culturale della comunità pastorale di Lomazzo,

 

Propongono una serata culturale di grande respiro diocesano


Venerdi 2 marzo 2018 alle ore 21:00

presso la chiesa di San Fedele in Como


con la partecipazione della Schola Cantorum di Lomazzo

Ingresso libero e gratuito

 

 

 

 

________________________________________________________________

PROGETTO “CARAVAGGIO – L’URLO E LA LUCE”

L’idea di proporre una conferenza del prof. Filippetti su Caravaggio, nasce sull’onda emotiva della grande mostra ospitata a Milano presso Palazzo Reale nei mesi scorsi.

Potrebbe sembrare l’ennesima iniziativa su questo argomento, visto che dalla data di avvio della mostra si sono succedute conferenze su Caravaggio ed i suoi capolavori un po’ ovunque. Ma l’esposizione critica su questo artista del prof. Filippetti, si distingue dall’impostazione classica delle conferenze d’arte, poiché offre una visione non limitata alla tecnica pittorica e alla contemplazione di alcune sue tele, ma allarga la visione sul travaglio umano del grande artista. Gli spettatori della conferenza quindi, hanno la possibilità di riflettere sui valori morali, religiosi ed etici, scoprendoli attraverso la Bellezza, il più alto strumento a disposizione degli uomini per cambiare e migliorare il mondo.

L’evento culturale è stato promosso dal Delegato Vescovile alla Cultura Mons. Angelo Riva, dal Centro Pastorale Cardinal Ferrari di Como, dalla Parrocchia di San Fedele e dal Vicariato di Como Centro con il patrocinio del Comune di Como e con il supporto de “Il Settimanale”, del Centro Culturale Paolo VI, della “Schola Cantorum” di Lomazzo, della Scuola di Musica “Il Flauto Magico” di Cermenate ed i Gruppi Alpini di Como Centro e Lomazzo.

Partecipano, con il loro fattivo sostegno, UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), Unindustria Como, Amici di Como, CdO (Compagnia delle Opere), Famiglia Comasca, Discacciati Bus Operator, ENAIP Como e dal Liceo Musicale Coreutico Giuditta Pasta di Como.

La descrizione critica del Prof. Filippetti, sarà integrata dall’esecuzione di canti e brani strumentali, eseguiti dalla “Schola Cantorum” di Lomazzo e dalla Scuola di Musica “Il Flauto Magico”. Il relatore si avvale di un potente mezzo tecnico, l’”Explorer Navigation”, che videoproiettando le immagini di tutto il percorso creativo di Caravaggio, permette di ammirare su maxischermo le riproduzioni ad alta definizione delle tele, con zoom sui dettagli più minuti.

La diversa caratterizzazione dell’esposizione critica del Prof. Filippetti, rispetto ai critici d’arte, merita una particolare considerazione soprattutto da parte di coloro che vogliono scoprire e valorizzare l’aspetto religioso, morale, educativo dell’Arte e dei suoi Protagonisti.

Il Comitato Organizzatore

 

________________________________________________________________

 

IL PUNTO DI VISTA DI ROBERTO FILIPPETTI

Il prof. Filippetti afferma che: “dell'opera di Caravaggio si può parlare di "altissima teologia", dice Rodolfo Papa. Marco Bona Castellotti l'ha icasticamente chiamato Il paradosso di Caravaggio: l'apparente contraddizione della compresenza nella stessa persona di una vita privata piena di male e di un talento arti¬stico che, ha trasferito sulle tele in modo straordinariamente affascinante, la teologia della Riforma cattolica” e che, durante la conferenza, è possibile “raccontare le singole tele, prima di entrare negli aspetti della tecnica pittorica, sulla quale poi far parlare l’autore, quasi entrando nella sua officina creativa; capirne l’opera nel contesto della Riforma Cattolica; e dare al tutto una “cornice” teatrale-narrativa, manzonianamente verosimile”. 

In sintesi, Filippetti riesce a coniugare i due aspetti salienti del Caravaggio: celeberrimo artista ed uomo diviso tra il “mal di vivere” e la capacità di fissare in “un'istantanea … il culmine dell'evento sacro, da offrire alla ruminatio di pellegrini magari analfabeti, ma prontissimi a leggere il linguaggio universale e mistagogico delle immagini”.

La diversa caratterizzazione dell’esposizione critica del Prof. Filippetti, rispetto ai critici d’arte, merita una particolare considerazione soprattutto da parte di coloro che vogliono scoprire e valorizzare l’aspetto religioso, morale, educativo dell’Arte e dei suoi Protagonisti.

Abbiamo già sperimentato l’esperienza di proporre al vasto pubblico le conferenze del Professore riscontrando un forte interesse da parte di un pubblico eterogeneo, diverso sia per età, sia per professione, sia per fede religiosa, sia per cultura. Ci piaceva l’idea di proporre un suo intervento su Caravaggio sul territorio di Como, pensandolo in Duomo, non tanto come “proposta culturale” legata all’arte quale tecnica pittorica o simbolica, ma come “esperienza di fede”, come “crescita interiore” attraverso la Bellezza -Veritatis Splendor- quale espressione del Vero.

 

________________________________________________________________

 

DOVE SIAMO 

Chiesa di San Fedele in Como