RITORNANO GLI ANFIBI

ATTIVITA' DI ALLESTIMENTO DI VASCHE E ACQUARI PER GLI ANFIBI

in occasione della giornata mondiale delle zone umide

SABATO 11 FEBBRAIO A LOMAZZO

presso il Centro Biodiversità del Parco Lura di Lomazzo - via Brianza

L’attività si svolgerà dalle ore 10 alle ore 16, con accesso libero.

 

 

Sabato 11 febbraio gli educatori della Cooperativa Koinè e alcuni volontari si occuperanno dell’allestimento dell’area interna, predisponendo gli acquari che poi ospiteranno le uova, le larve e i girini delle specie tipiche degli ambienti umidi e che saranno poi rilasciate nei siti da ripopolare.

Il Centro Biodiversità riprende vita, e ha bisogno anche del tuo aiuto.
Sistemeremo le vasche e il bosco per offrire agli anfibi un ambiente accogliente.

Porta con te stivali, guanti impermeabili e il pranzo al sacco. Vieni anche tu a darci una mano!

L’iniziativa è aperta a tutti i cittadini che vorranno dare una mano al fine di rendere questo luogo vivo e partecipato.

 

Informazioni e contatti

Koiné, Susanna - tel: 348 6287183 

Email: Matteo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Consorzio Parco Lura - tel: 031.901491  

 

_____________________

 

LA GIORNATA MONDIALE DELLE ZONE UMIDE - 2 FEBBRAIO 2017


Ogni anno, il 2 febbraio si celebra la giornata mondiale delle zone umide. La data è stata scelta in quanto l’adozione della Convenzione Internazionale per le Zone Umide, firmata nella città iraniana di Ramsar, avvenne proprio il 2 febbraio del 1971.

La ricorrenza internazionale è stata introdotta a partire dal 1996 al fine di sensibilizzare e aumentare la consapevolezza dell’importanza di queste zone. Quest’anno, in particolar modo, si è scelto il motto “Wetlands for Disaster Risk Reduction” per evidenziare il ruolo delle aree umide nella riduzione degli impatti che gli eventi naturali quali inondazioni, siccità e cicloni, hanno sulle comunità, nonché il contributo che questi ambienti forniscono incrementando la resilienza dei luoghi.
Recenti studi scientifici hanno riscontrato un aumento della frequenza con la quale si manifestano le calamità naturali a causa dei cambiamenti climatici, sottolineando come il 90% dei disastri ambientali sono riconducibili al rischio alluvionale. Si calcola che, tra il 1996 e il 2015, i cataclismi abbiano causato 1.350.000 vittime in tutto il mondo, per non parlare del grave danno economico arrecato.

Gli effetti di questi fenomeni possono essere aggravati dalla progressiva scomparsa delle aree umide (dal 1900 si sono ridotte del 64%) e da una loro gestione impropria (ne sono un esempio la canalizzazione dei corsi d’acqua, che conferisce molta più forza al flusso idrico; il deterioramento delle barriere coralline e delle mangrovie dei litorali; la bonifica delle torbiere).

In occasione della giornata del 2 febbraio sono stati organizzati eventi in tutto il mondo, visionabili alla pagina www.worldwetlandsday.org dove è possibile scaricare ulteriore documentazione informativa nonché approfondimenti tematici.

 

 

 

_____________________

 

LA CASETTA DEL CENTRO BIODIVERSITA'

La casetta del Centro Biodiversità Parco Lura di Lomazzo, sede delle attività. Clicca le immagini per ingrandire

          

          

 

____________________________________________________

 

 

 

INDICAZIONI STRADALI

 

La mappa - clicca per ingrandire:

 

 

Google Maps

Come raggiungere il parcheggio, via Risorgimento, 7 - Bregnano

Clicca sui pulsanti " + " o " - " per ingrandire o ridurre e vedere le strade di comunicazione - https://goo.gl/IKv5a6

 

Street View

Il punto di ritrovo: il parcheggio situato in territorio di Bregnano, in via Risorgimento n° 7.

Clicca lo street view. e trascina, per cambiare punto di osservazione - https://goo.gl/uVhqgL

 

Il percorso ciclopedonale che conduce al Centro Biodiversità, visto nei pressi del ponte sul torrente Lura, a Lomazzo.

Clicca lo street view. e trascina, per cambiare punto di osservazione - https://goo.gl/SFFNcs

 

_____________________  

 

LE ZONE UMIDE A LOMAZZO: Aree di laminazione e Centro biodiversità

Anche nella valle del torrente Lura vengono declinati questi principi dalla scala globale a quella di sottobacino, in linea con lo strumento di programmazione del Contratto di Fiume “Olona, Bozzente, Lura”.

Un esempio pratico è costituito dalle opere di laminazione del torrente Lura, che intendono limitare il rischio legato alle piene a cui sono soggette le popolazioni poste a valle e in particolare nei Comuni di Saronno, Caronno Pertusella, Lainate e Rho.
I lavori, che sono cominciati nel dicembre 2015 e in base al cronoprogramma dovrebbero terminare entro il prossimo autunno, restituiranno alla popolazione un’area naturale rifunzionalizzata, in grado di conciliare l’esigenza di regolare il deflusso della massa idrica eccedente in tempo di piena con la riqualificazione fluviale e la piena accessibilità del luogo.
L’intervento prevede la realizzazione di un’area di fitodepurazione che sarà compresa all’interno del primo invaso di laminazione, oltre a un laghetto permanente alimentato da un pozzo. La creazione di questa zona umida è funzionale ad incrementare la biodiversità e la valenza naturalistica dell’area, che potrà offrire sosta e rifugio a numerosi uccelli e accogliere le ovature delle più comuni specie di anfibi come la rana di Lataste, il tritone crestato, la salamandra pezzata e la libellula. Inoltre le piante acquatiche che intercetteranno il flusso idrico contribuiranno a portare un miglioramento qualitativo delle acque del torrente Lura, filtrandole e depurandole attraverso processi biologici.

A Lomazzo, a pochi passi dall’area oggetto dell’intervento, si trova il Centro per la Biodiversità, che è stato appena rinnovato e che costituisce il Centro visite del Parco del Lura dedicato all’educazione ambientale.

 

_______________________________

 

Calendario attività del Centro Biodiversità di Lomazzo: apri link 

 

_______________________________

 

Vi aspettiamo numerosi,

per trascorrere un bellissimo pomeriggio insieme!! 

Passate parola!